Menu
Mentre sul web dilaga il meme “Winter has come”, in riferimento alla famosissima serie tv “Il trono di spade”, noi pensiamo all’estate e a come proteggersi dal caldo e dai raggi UV. Non è sufficiente far scorta di creme solari e bibite zuccherate per far fronte ad una lunga e calda estate, soprattutto se pensiamo ad una vacanza al mare con i più piccoli. Ecco quindi che arrivano i consigli per l’estate firmati DryPro Italia:      

TUTTI AL MARE? SI COMINCIA DALLE PROTEZIONI

Come ogni anno, quando ci si prepara ad affrontare una vacanza al mare, si pensa subito a mettere in valigia tutte le creme solari che abbiamo in casa, reduci da anni di infallibile protezione. Inutile comprarne una nuova, pensiamo, se ci è avanzata quella dell’anno scorso. ERRORE! Le creme solari, così come qualsiasi altro prodotto di bellezza, ha una sua scadenza. Per essere efficace, infatti, deve essere utilizzato in un certo limite di tempo (come indicato nella confezione) in modo da mantenere protetta e soffice la nostra pelle quando ci esponiamo al sole. Quindi, la prima regola è sempre quella di controllare le vecchie creme solari e, nel caso si tratti di creme superstiti da troppe stagioni estive, è il caso di andare in farmacia a comprarne di nuove.  

IL CIBO CHE TI ABBRONZA

Molto spesso, durante l’estate, non si ha voglia di pasti pesanti ed elaborati. Preferiamo spuntini freddi e leggeri ai tipici piatti della nonna. Bene, ma se volessimo aiutare la nostra abbronzatura? Detto fatto: la natura ci mette a disposizione molti alimenti che favoriscono la graduale colorazione della pelle quando ci esponiamo al sole, quindi perché non sfruttarli? Uno dei più famosi elementi presenti nel cibo che favorisce questo processo è il betacarotene,  pigmento vegetale che si trova in moltissimi alimenti. Il suo caratteristico colore arancione ci permette di distinguere facilmente i cibi in cui è presente in alte quantità, come ad esempio carote, zucca, albicocche, peperoni ecc... Alimenti semplici e gustosi che bene si combinano in frullati, insalate e piatti freddi.  

ANCHE I CAPELLI HANNO BISOGNO DI IDRATAZIONE IN ESTATE

Anche se molto spesso non ci facciamo caso, i nostri capelli, in estate soffrono il caldo e lo stress molto più di noi. Si inaridiscono, si increspano e si opacizzano dopo una sola giornata al mare. Quindi, per una perfetta protezione del nostro corpo, è bene non dimenticare di proteggere anche loro dal sole caldo e dalla salsedine. Come farlo? Poche regole: un cappellino o un foulard leggero per proteggerli nelle ore più calde e tanto olio protettivo, soprattutto sulle punte. Tra i principali oli protettivi, il più efficace è l’olio di cocco, di natura vegetale e resistente all’acqua di mare, è l’alleato numero uno per chi non vuole rinunciare ad un bel bagno, favorendo l’idratazione del capello oltre che evitando l’irrancidimento delle punte.  

MARE O PISCINA PER GODERSI MEGLIO L’ESTATE CON I BAMBINI?

Scelta ardua ma direi che vanno bene entrambi: la piscina, amata dai bimbi proprio perché possono divertirsi con tuffi e piccole “immersioni”, è preferita dalle mamme perché possono tenere sotto controllo i più piccoli mentre ci si rilassa a prendere il sole. Il mare, d’altra parte, è un mondo tutto da scoprire per i bambini, fatto di castelli di sabbia e conchiglie colorate da recuperare come fossero tesori.  L’esperienza è totalmente diversa per i piccoli poiché sono a contatto con elementi diversi: da una parte la piscina artificiale che gli permette di fare acrobazie senza, però, creare molte preoccupazioni ai genitori che li accompagnano, dall’altra la naturalezza del mare che regala sempre sorprese e magiche avventure ma che, però, richiede la costante sorveglianza di un adulto. Questi erano i pro e i contro, adesso spetta a mamma e papà decidere!  

UNA MAMMA NON DEVE MAI DIMENTICARE DI…

Se siete mamme e volete portare i vostri piccoli al mare, è il caso di non dimenticare mai alcune regole fondamentali per la protezione dei bambini: come consigliato da Maya El Hachem, responsabile dell'Unità Operativa di dermatologia presso l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, è bene eludere l’esposizione al sole dei bambini prima dei 6-8 mesi, oltre che evitare fino 36 mesi di portarli nelle ore più calde del giorno. Inoltre, non bisogna mai dimenticare di portare con sé creme ultra protettive (50+) fino ai 6 anni di età, per poi passare, man mano che la pelle si abbronza gradualmente, ad una protezione intermedia (20). Ovviamente, gli esperti, sconsigliano di lasciare i bambini senza protezione, anche se staranno tutto il tempo sotto l’ombrellone. Quindi, per meglio proteggerli dal caldo, è bene dotarsi di cappellini e ricordarsi di far bere i più piccoli il più spesso possibile. E se il tuo bambino si fosse rotto un braccio o una gamba prima di partire? Nessun problema: a questo pensa DryPro Italia con le sue protezioni impermeabili per gessi. Salviamo i gessi oltre che le vacanze!  
Share this Post!
About the Author : drypro
0 Comment